Gli imprescindibili del mio workplace – Anna Nieto di Talleret craft

Gli imprescindibili del mio workplace – Anna Nieto di Talleret craft

 

Che cambieresti del tuo spazio e perché?

…le mie conclusioni…

Continuo a pubblicare le interviste fatte a professionisti che stimo:oggi tocca ad Anna, che con Talleret Craft è un’esplosione di creativitá e ne vive circondata. Ho avuto l’opportunitá di lavorare assieme a lei durante la Fira de l’Assunció en Granollers per il Consorci de Residus del Vallés Oriental, un’esperienza indimenticabile di cui ho fatto tesoro

[sí, lo so che devo pubblicare il progetto dello stand!]

Oggi entreremo nell’ “ufficio” di Anna di Talleret Craft.

Le virgolette hanno un significato: Anna lavora in diversi posti, in molti modi, insomma non si annoia mai!

Chi sei? Parlami un poco di te!

Sono Anna Nieto, di Talleret craft, mi dedico alla gestione culturale, progetto programmi culturali per sale di teatro, Festivals e Teatro si Strada. Parallelamente creo workshops di creativitá per i piú piccoli, dove possono imparare e disimparare mentre fanno lavoretti manuali.

Trovi tutto qui:

Servizi generali: www.labcreatiu.cat

Workshops creativi: www.talleretcraft.cat

Dove lavori?

É difficile rispondere brevemente: il mio lavoro si svolge a casa, dove ho l’ufficio e taller per preparare prototipi, e il magazzino dei materiali. Gli eventi culturali si realizzano in ogni paese che me lo chieda ed i workshops creativi in uno spazio a Parets del Vallès (Talleret Craft), poi in scuole, biblioteche, bibliobus, piazze, fiere….

Descrivi un MOBILE imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

Il TAVOLO, ne ho tanti e grandi, li riempio di materiali per sperimentare.

Descrivi un OGGETTO imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

Le FORBICI, in ogni lavoro di cucito o manualitá utilizzo forbici di ogni tipo!

Descrivi un COLORE imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

KRAFT, il colore del cartone, è quello che occupa sempre il mio spazio di lavoro.

Descrivi cosa non deve mancare alle pareti del tuo spazio di lavoro.

TUTTO, tutto, tutto! Ci sono esempi di lavori che appendo alla parete, affinché siano ispirazione o semplicemente per godere di ció che ho creato.

Descrivi uno STRUMENTO tecnologico o un’APP fondamentale per te ed il tuo lavoro.

MACCHINA FOTOGRAFICA: fotografo tutto il processo di creazione dei prototipi, i workshops, gli alunni, i materiali (oggi uso anche lo smartphone).

[passate per il profilo instagram di Talleret Craft: ogni giorno qualcosa di nuovo!]

Cosa cambieresti del tuo spazio e perché?

Immagino che potrei migliorare l’organizzazione dei materiali con scatole che siano tutte uguali, piú facili da immagazzinare e vedere. In questo momento riutilizzo scatole di legno e cartone, poiché è coerente con il mio modo di lavorare riciclando materiale.

…le mie conclusioni…

Anna, mi piaci tanto! E mi piace la tua creativitá variopinta, con la quale imparo sempre qualcosa di nuovo, sia a livello professionale che personale. Sei un esempio da seguire e mi piacerebbe essere una bimba per poter partecipare ai tuoi workshops!

Il problema delle scatole riciclate lo risolviamo subito: raggruppa le scatole per tipologia e crea delle etichette adesive per individuare il contenuto di ognuna: saranno etichette sutte simili, per esempio personalizzate da un timbro creato durante uno dei tuoi workshops. In questo modo le scatole manterranno il loro carattere ma saranno unite dal dettaglio dell’etichetta con il tuo timbro personale.

Che te ne pare dello…, o meglio degli spazi di Anna? Ti piacerebbe lavorare così?

Gli imprescindibili del mio workplace – Sarah Cantavalle

Gli imprescindibili del mio workplace – Sarah Cantavalle

Siamo a Settembre e ricominciamo alla grande! Per inaugurare l’anno “scolastico” ho deciso di lanciare una nuova sezione di articoli-intervista a professionisti che stimo e che condivideranno gli IMPRESCINDIBILI del loro spazio di lavoro: si tratta proprio di oggetti o mobili che fanno stare bene, fanno produrre di piú.

Entriamo in spazi professionali, ma anche molto molto personali.

E chissá che qualche dettaglio non sia di ispirazione per il tuo proprio spazio…

Oggi cominciamo con Sarah Cantavalle, ho partecipato alla creazione della sua pagina web, ed è nata un’amicizia e anche della collaborazioni come per Servizi Virtuali.

Chi sei? Parlami un poco di te!

Sarah Cantavalle, sono Copywriter e consulente marketing: aiuto aziende e professionisti a comunicare efficacemente con il loro pubblico attraverso contenuti di qualità.

www.sarahcant.it

sarah@sarahcant.it

 

Dove lavori?

Nella mansarda di casa. Ho riservato una parete per la scrivania.

 

Descrivi un MOBILE imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

Una sedia con le ruote comoda, e una scrivania super spaziosa che possa ospitare tutti i miei appunti, scritti rigorosamente a mano!

 

Descrivi un OGGETTO imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

Un monitor da collegare al laptop, una tastiera e un mouse wireless, per non affaticare gli occhi e mantenere una buona postura.

 

Descrivi un COLORE imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

Il bianco. Rilassa e facilita la concentrazione.

 

Descrivi cosa non deve mancare alle pareti del tuo spazio di lavoro.

Dei quadri che mi ricordino che esiste un mondo meraviglioso al di fuori delle quattro di mura di casa! Così mi concentro di più e finisco prima il lavoro 😉

 

Descrivi uno STRUMENTO tecnologico o un’APP fondamentale per te ed il tuo lavoro.

Ne uso moltissime. L’app del Dizionario Analogico Zanichelli mi aiuta moltissimo quando scrivo.

 

Che cambieresti del tuo spazio e perché?

Aggiungerei qualche pianta, forse. Ma il vero cambiamento che vorrei per il mio studio è un po’ più ambizioso: sogno una scrivania con vista sul giardino, sul lago o ancor meglio, sul mare!

 

…le mie conclusioni…

spatiphillum per Sarah Cantavalle - FAB813Bellissimi gli imprescindibili di Sarah Cantavalle, l’immagine della scrivania spaziosa per gli appunti scritti a mano dà l’idea di uno spazio molto personale; mi piace poi che sogni in grande! Cominciare con una bella pianta é l’ideale, vedrai come cambia tutto! Se lo spazio non è luminoso ci sono piante come l’Aspidistra che sopportano tranquillamente la mancanza di luce, la Montera deliciosa o l’Anthurium e lo Spatiphyllum, con fiori bianchi, come piace a te!

Per il panorama invece, so che ci stai giá lavorando ^_^

 

Natale 2017: un’idea regalo per i tuoi cari!

Natale 2017: un’idea regalo per i tuoi cari!

Il Natale 2017 si avvicina e siamo sempre in cerca di regali originali

Non so se lo hai visto, ma con l’apertura di FAB813, ho creato un nuovo servizio di consulenza online di mezz’ora, durante la quale do tutti i consigli e le idee possibili riguardanti un angolo della casa.

30 minuts by FAB813

30 minuti per te

Prima mi vengono mandate le foto e magari una piantina, le idee o i dubbi: arriverò preparata all’appuntamento e i 30 minuti cominceranno dopo i “convenevoli”, NO STRESS ^_^.

Visto il successo ottenuto ho pensato di fare una promozione per Natale, per fare conoscere sempre a più persone questo metodo per ricevere consigli specifici per una determinata zona di casa o dell’ufficio.

30 minuti per te

prenotati durante il mese di

Dicembre 2017

a 35,00 €

invece di 42,50€ per consulenze da effettuarsi

dal 01 Dicembre  2017 al 31 Marzo 2018

 

L’idea è questa: acquisti entro il 31 Dicembre 2017 la consulenza e la persona a cui è stata regalata potrà usufruire del servizio regalato entro il 31 Marzo 2018!

Quindi circa 3 mesi a partire da Natale 2017!

Un regalo tutto giallo #FAB813!

A chi fare questo regalo?

  • Al cugino che ha appena cambiato casa e deve ridistribuire i mobili che gli hanno passato tutti i parenti…
  • Alla sorella che si è appena messa in proprio e deve ricavarsi uno spazio tutto suo per lavorare da casa;
  • All’amico single che vuole conquistare le ragazze con solo uno sguardo… alla sua bellissima parete!
  • Allo zio, perché quando entri nel suo ufficio vorresti vedere un pochino più colore, anche per i suoi clienti!
  • Alla cognata, quella con un negozietto delizioso, ma che non ha più idee per la sua vetrina…

Ecco che una mezzoretta di consigli, spunti e ispirazioni mirati potrebbero risolvere moltissimi problemi e rendere le persone più entusiaste: cominciare il nuovo anno con molta più energia!

 

Dicembre passa in fretta!

 

La soluzione ad una parete bianca dura solo mezz’ora!

parete bianca 30 minuti per te

Cos’è lo Smart Working?

Cos’è lo Smart Working?

Non è mica facile spiegare cos’è lo smart working!

È difficile definire un concetto come quello dello smart working senza semplificarlo, senza  perdere parte del suo significato.

È difficile perché  si tratta di un modello organizzativo  che coinvolge più aspetti della vita aziendale,  che per funzionare pretende investimenti su diversi fronti.

Il processo di miglioramento, rischia di fracassare se non si considerano i diversi aspetti dello Smart Working:

  • UmanoSmart working vans by FAB813
  • Spaziale
  • Tecnologico

Vedo in giro tante proposte di accompagnamento per le aziende, che offrono soltanto la parte tecnologica, la parte dell’organizzazione dei processi di lavoro o la parte del layout fisico. Conosco anche molti esempi di aziende che, affrontando in maniera superficiale questo nuovo modo di lavorare, hanno miseramente fracassato.

Purtroppo

Purtroppo perché gli strumenti adeguati sono a portata di mano, ma non sono stati amministrati nel modo giusto o semplicemente non sono stati presi in considerazione.

E la credenza generale che lo smart working sia solamente legato al telelavoro (siamo lontanissimi daquesto!), non aiuta.

Ma per fortuna…

In Italia ci sono professionisti che si impegnano a diffondere i giusti concetti che stanno dietro al cambiamento,  un cambiamento centrato sulla persona, come valore per l’azienda, non pedina.

Un paio di esempi? WOW – webmagazine e Spremute digitali.

Valorizzare, stimolare ed incentivare i dipendenti aiuta a renderli, felici ed orgogliosi di lavorare in azienda.

Fornire  strumenti e mezzi per svolgere il proprio lavoro in modo efficiente ed efficace aumenta la produttività.

L’ambiente che promuove i nuovi comportamenti legati a questa “rivoluzione” lavorativa sarà il vincente.

Conlusione

Sono sempre alla ricerca di spunti e informazione. Cerco di seguire l’evoluzione dello Smart Working fra Italia e Spagna, e sono riuscita ha trovare una definizione che mi soddisfa e che voglio riportare:

Lo Smart Working è l’approccio innovativo all’organizzazione del lavoro che si caratterizza per fessibilità e autonomia della scelta degli spazi, degli orari di lavoro e delgli strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione dei risultati – Il Sole 24 Ore – Marco Minghetti – Associate Partner Openknowledge ed Esperto in Humanistic Management

E tu? Hai una definizione ancora più calzante?